Search The Blog

Laboratori

America Latina: la presenza dei cristiani nella vita pubblica



Nell’ambito del Forum Mediatrends, martedì 26 marzo 2019 si svolgerà un incontro sul tema: “La partecipazione dei cristiani alla vita pubblica in America Latina: la situazione attuale”.

Relatore: Carlos Avila Molina, Ambasciatore della Repubblica di Honduras presso la Santa Sede. L’appuntamento è alle 9.30 del mattino all’Hotel NH Giustiniano, Via Virgilio 1, Roma.

Cosa sta succedendo in Venezuela



Venerdì 1 marzo 2019 alle ore 21.00 si terrà la prossima cena del Forum Pensiero e Società con la Dott.ssa Marinellys Tremamunno, giornalista Italo-venezuelana, corrispondente di Imagen TV, Excelsior TV e del portale Yoinfluyo.com, sul tema «Cosa sta succedendo in Venezuela». L’incontro si svolgerà presso il Ristorante Ginger, Piazza di S. Eustachio, 54-55, 00186 Roma

Marinellys Tremamunno

Il contributo delle aziende per lo sviluppo della società



«La società esige che le aziende, sia pubbliche sia private, abbiano un proposito sociale. Per prosperare nel tempo un’azienda non deve dare solo risultati finanziari, ma mostrare anche il proprio contributo alla società». Sono parole di Larry Fink, Ceo di Black Rock. Come essere certi di trasferire un “proposito” aziendale (inteso come beneficio sociale generato dalla propria impresa) che motivi, coinvolga e faccia sentire realizzati i propri collaboratori?

Il tema è stato introdotto dall’ing. Daniele Di Fausto, Ceo a EFM SpA, nell’incontro di martedì 29 gennaio 2019.

In qualsiasi organizzazione si può raggiungere la sofisticazione più inimmaginabile in termini di logistica e spazi, tecnologia, ecc. ma la centralità della persona rimane fondamentale. Cosa cerca la persona nell’azienda in cui lavora? La prima risposta in eFM – ha affermato Daniele Di Fausto – è stata: “Un ambiente familiare!” 

Cos’è un ambiente familiare? È il luogo in cui non c’è il mio ma il nostro! È il luogo in cui si condividono, obiettivi, successi, insuccessi, gioie e frustrazioni! Il luogo in cui rido e in cui litigo per poi tornare a ridere! Il luogo in cui voglio stare, ma mi devo sentir libero di uscire! Il luogo in cui le #collisioni generano #creatività! Il luogo in cui i conti devono tornare e quando non lo fanno ci si stringe tutti insieme per trovare la soluzione!

Forse la vera difficoltà di interpretazione del ruolo manageriale nel mondo digitale – ha concluso il relatore – è dovuta all’assenza di questa dimensione familiare della vita e nell’essersi concentrati eccessivamente su una dimensione “funzionale”.

Come va il dibattito sui diritti al femminile



Venerdì 25 gennaio 2019 alle ore 21.00  Massimo Tita, ordinario di Storia del Diritto presso l’Università Federico II  di Napoli, che ha appena pubblicato il libro “Logiche giuridiche dell’esclusione: sui diritti al femminile tra Ottocento e Novecento”, parlerà del tema «Il dibattito sui diritti al femminile».

Italia e America latina: come va la cooperazione?



Venerdì 8 febbraio 2019, presso l’Hotel NH Giustiniano di via Virgilio, a Roma, si parlerà del tema della cooperazione tra Italia e America Latina, facendo riferimento in particolare a i temi della sicurezza, dell’ambiente, della difesa.

Relatrice la dottoressa Antonella Cavallari, Direttrice per l’America Latina al Ministero Affari Esteri.

Un nuovo laboratorio Arss: Africa & Istruzione



Il laboratorio Africa & Istruzione nasce in collaborazione con la Ong Harambee Africa e intende sviluppare progetti di aiuto, cooperazione e sensibilizzazione sul futuro del continente africano.

Il progetto prevede seminari, incontri ed eventi che siano occasione per migliorare in Italia l’immagine dell’Africa, libera dei pregiudizi, e per fornire un aiuto a progetti educativi in Africa, promossi e gestiti dagli africani.

Qui è il sito che informa sulle attività di Harambee che si svolgono in Italia.

Le nuove droghe, stupefacenti e crimini farmaceutici



Venerdì 21 dicembre 2018 alle ore 21.00 si è tenuta la cena del Forum “Pensiero e Società” con il col. Andrea Zapparoli, comandante del Reparto operativo dei Carabinieri per la Tutela della Salute, sul tema «Le nuove droghe, stupefacenti e crimini farmaceutici».

Il futuro delle minoranze religiose in Medio Oriente



Esaminare le sfide e le prospettive riguardanti le minoranze religiose in Medio oriente, già duramente colpite dalle crisi che attraversano la regione, per garantire il rispetto dei loro diritti umani fondamentali, primo tra tutti la libertà religiosa. È questo l’obiettivo del Forum “Il futuro delle minoranze religiose in Medio Oriente”, promosso dal Centro Studi sul Medio Oriente della Fundación Promoción Sociale dal Religion & Security Council .

Il Forum si è svolto a Roma martedì 11 dicembre 2018, a palazzo Borromeo, Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, con la partecipazione di rappresentanti del mondo politico, religioso, diplomatico e accademico.

Effetti dei cambiamenti climatici e delle criticità di questi giorni



Venerdì 30 novembre 2018, nell’ambito del Forum Pensiero e Società, incontro con il fisico Valerio Rossi Albertini sul tema «Effetti dei cambiamenti climatici e delle criticità di questi giorni»
Valerio Rossi Albertini è Professore incaricato di chimica-fisica dei materiali, recensore di articoli per riviste scientifiche internazionali. Svolge attività divulgativa per il CNR, aderendo all’iniziativa Scienziati e Studenti per l’avvicinamento dei giovani al mondo della ricerca. Membro del comitato di redazione della rivista LIVE, Ricerca Scientifica e Industria, edito dalla COPIT (Comitato di Parlamentari per l’Innovazione Tecnologica e lo sviluppo sostenibile) dal 2006. Partecipa a numerose trasmissioni scientifiche su reti nazionali, e svolge il ruolo di rappresentante del CNR in televisione e per gli organi di stampa in qualità di esperto nucleare.

Mediatrends Europa lancia allarme per America Centrale



L’America Latina è seriamente minacciata dai cambiamenti climatici e l’area più colpita è l’istmo centroamericano, il “corridoio secco”. Lo ha affermato il direttore della comunicazione della FAO, Enrique Yeves, nel corso di un incontro informale sulla “questione ambientale in America Latina) al quale hanno partecipato anche gli ambasciatori della Colombia, Gloria Isabel Ramírez, e del Costa Rica, Ronald Flores.
Nel corso dell’incontro – organizzato da Mediatrends Europa, un osservatorio alle cui analisi contribuiscono osservatori e giornalisti latinoamericani e europei – Yeves ha affermato che i cambiamenti climatici, con i conflitti interni e la crisi economica, sono uno dei tre fattori cui è dovuta la fame nel mondo: 421 milioni di persone nel mondo, di cui 40 milioni (il 6% della popolazione) nel continente americano.
“E qui”, ha spiegato, “l’area più colpita è l’istmo centroamericano, chiamato ‘corridoio secco’”..
A causa dei cambiamenti climatici, l’America Centrale soffre di un caldo estremo, di siccità prolungate e grandi inondazioni. Due anni fa, ha riferito Yeves, il Salvador ha perso il 90% dei suoi raccolti, in particolare di grano; i contadini migrano sempre più numerosi verso le città, dove i poveri sono già più di due milioni. Il Guatemala ha perso 80mila tonnellate di mais, una perdita di 30 miliardi di dollari.
La Fao ha creato un “fondo verde” per combattere il cambiamento climatico e aiutare economicamente i paesi bisognosi; in questo quadro El Salvador ha ricevuto 230 milioni di dollari.
Anche in Costa Rica è allarme rosso. Le aree a maggior rischio, ha spiegato l’ambasciatore Ronald Flores, sono le montagne, le mangrovie e le barriere coralline così come le foreste costiere dell’ Atlantico e del Pacifico.
Per il Costa Rica l’agricoltura è estremamente importante perché è una delle principali attività del Paese, il riscaldamento comincia ad incidere sulla produttività e sull’ economia, con conseguenze dirette sulla vita di milioni di persone.
Per questo, ha affermato l’ambasciatore, il governo sta preparando azioni preventive per preservare gli ecosistemi.
Anche l’ambasciatore della Colombia, Gloria Isabel Ramírez – la quale ha ricordato che l’America Latina è il “granaio del mondo” – ha illustrato l’impegno del governo del suo Paese in materia di ambiente, in particolare con l’attuazione di una politica dal titolo “Conservare produrre, produrre preservare”.
“Come garantire la produzione senza danneggiare l’ambiente? Con il controllo e l’educazione, con regole da rispettare” ha affermato l’ambasciatore.
Roma, 25 novembre 2018