Search The Blog

Laboratori

La questione ambientale in America Latina



L’America Latina è gravemente minacciata dal cambiamento climatico. Le condizioni geografiche e climatiche estreme, combinate con fattori economici e sociali, stanno aumentando l’impatto climatico nella zona.

Sul tema parleranno Gloria Isabel Ramírez Ríos, Ambasciatrice della Colombia in Italia, Enrique Yeves, Direttore della Comunicazione della FAO, e Ronald Flores Vega, Ambasciatore di Costa Rica in Italia

L’appuntamento è per venerdì 23 Novembre 2018, alle ore 9.30 del mattino presso l’Hotel NH Giustiniano, Via Virgilio 1, Roma.

Rapporti tra Cina e Santa Sede. Un aggiornamento

Argomenti:

Venerdì 19 ottobre 2018 si è tenuto a Roma l’incontro del Forum Pensiero e Società con il giornalista Gianni Valente, sul tema «Situazione dei rapporti tra Santa Sede e Cina. Le ultime novità»
Gianni Valente è nato e vive a Roma. Si è laureato in storia religiosa dell’Oriente cristiano, con una tesi sui cattolici indiani malabaresi e malankaresi e la loro partecipazione al Concilio Vaticano II. È stato redattore della rivista internazionale «30Giorni», per la quale ha anche realizzato reportage sulla vita delle comunità cristiane dalla Cina, dalla Russia e da diversi Paesi dell’America Latina e del Medio Oriente. Attualmente è redattore presso l’agenzia «Fides», organo d’informazione delle Pontificie Opere Missionarie. Collabora con la rivista italiana di geopolitica «Limes» e con «Vatican Insider», il portale plurilingue online del quotidiano «La Stampa».

Sinodo dei giovani: sfide ed opportunità



Nell’ambito del Forum sull’America Latina in Italia è in programma a Roma presso l’Hotel NH Giustiniano venerdì 14 settembre 2018 alle ore ore 9:30 della mattina, un incontro sul tema “La gioventù latinoamericana e la Chiesa Cattolica. Sinodo dei giovani tra sfide ed opportunità”.

Relatore: Padre Alexandre Awi Mello, Segretario del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita.

L’integrazione dei migranti, un tema di attualità



Venerdì 6 luglio 2018 si è parlato del tema L’integrazione dei migranti con Mario Ciclosi, ex prefetto e già commissario straordinario della provincia di Vibo Valentia e del comune di Parma. L’incontro fa parte del progetto Pensiero e Società.

Le persone e il contesto Industry 4.0



Nell’ambito del progetto Servant Management, martedì 17 luglio 2018 alle ore 19.30 si è svolto a Roma in via Laurentina un incontro sul tema Le persone e il contesto Industry 4.0 a cura del dott. Massimo Salza, Employer and Union Relations at CapGemini, e moderato dall’ing. Roberto Apollonio.

 

Manca la volontà politica per combattere la fame nel mondo

Argomenti:

“Il cambiamento climatico in questo momento è innegabile, ed eliminare la fame non sarebbe un problema, come ha dimostrato il Brasile, perché “l’umanità produce più di quanto consuma e un terzo del cibo è sprecato. Manca quindi la volontà politica di risolvere il problema”.
Lo ha affermato venerdì 22 giugno 2018 il Consigliere Speciale, Partnership Sud-Sud FAO, Fernando Ayala, Ambasciatore Emerito del Cile, in occasione di una colazione di lavoro tenutasi a Roma presso l’Hotel NH Giustiniani, sul tema: “Cambiamenti climatici ed energia in America Latina”, organizzata da Mediatrends America.
L’Ambasciatore Emerito ha presentato i dati di agenzie come ECLAC e FAO sul cambiamento climatico e la mancanza di adattamento dei paesi per affrontarlo, che compromette la sicurezza alimentare. In particolare, ha sottolineato le difficoltà dell’America centrale.

L’intelligenza artificiale per un mondo perfetto



Martedì 5 giugno 2018, alle  ore 19.30
Riflessione d’apertura a cura dell’ing. Carlo Messina – General Manager Academy at IG SpA sul tema “L’intelligenza artificiale è la formula per un mondo eticamente perfetto?”

c/o HPE – via Achille Campanile 85 – Roma
modera dott. Stefano Scravaglieri

La sfida dell’emigrazione regionale in America Latina



Colazione di lavoro “La sfida dell’emigrazione regionale in America Latina. Normativa, Spazio comune e libera circolazione di lavoratori”, giovedì 31 maggio 2018, presso l’Hotel NH Giustiniano, Via Virgilio 1, Roma.

Relatori:
• L’Ambasciatrice della Repubblica del Costarica in Italia, Dott.ssa Cristina Eguizábal Mendoza (vedi la sua intervista)
• Il Console Generale della Repubblica dell’Honduras a Roma, Dott.ssa Giselle Canahuat (vedi la sua intervista)

 

Emigrazione. Un problema che ormai attanaglia tutto il mondo. Anche nella lontana America Centrale convivono due realtà completamente opposte: in Honduras oltre 2 milioni di persone hanno lasciato il proprio Paese mentre in Costa Rica, nessuno emigra. Anzi, le porte sono spalancate verso tutti i cittadini dei Paesi vicini. Ad affrontare questa interessante realtà è stato l’Osservatorio indipendente Mediatrends America-Europa che studia le tendenze dell’informazione internazionale e che si propone di analizzare gli aspetti più significativi riscontrati nell’ambito dei media. In questo modo vengono, tra l’altro, facilitati i rapporti tra i giornalisti che lavorano in Europa e quelli impegnati nelle Americhe.

Per l’occasione sono stati invitati come relatori in un noto albergo romano l’Ambasciatrice del Costa Rica Cristina Eguizabal Mendoza e il Console Generale dell’Honduras Giselle Canahuati. Erano presenti rappresentanti del mondo diplomatico latino americano e giornalisti italiani ed esteri. A condurre il dibatto è stato il giornalista peruviano Roberto Montoya. Da registrare che complessivamente sono ben 28 milioni i cittadini sei Paesi Latino Americani che sono emigrati, per il 70 per cento negli USA. Per l’Ambasciatrice Eguizabal Mendoza, l’emigrazione è un problema storico che nell’era della globalizzazione ha assunto delle caratteristiche particolari. “Una volta”, ha detto, “la gente partiva per non tornare più. Si scrivevano lettere che arrivavano dopo tre mesi. Oggi, grazie a internet e ai telefonini, il contatto con le origini non si spezza mai. Un’altra differenza è che in passato quasi sempre l’emigrazione era una scelta individuale o familiare. Oggi le emigrazioni vengono organizzate e coordinate da organizzazioni che, purtroppo, spesso sono criminali. Inoltre abbiamo un’immigrazione circolare: la gente va per un periodo ma spesso torna in patria”.

Il Costa Rica viene comunque considerato uno dei Paesi più ospitali del mondo. Come tutti i Paesi americani vige lo ius soli, cioè, diventa cittadino chi è nato sul posto. Anche i diritti sul lavoro vengono rispettati in maniera adeguata. Lo stesso vale per l’assistenza sanitaria e abitativa. Ben diversa è la situazione dell’Honduras, come ha spiegato il Console Canahuati. In questo caso abbiamo a che fare con una massiccia emigrazione dovuta alla povertà alle disuguaglianze croniche, alla presenza di organizzazioni criminali nazionali e internazionali. “Per combattere questo fenomeno”, spiega il Console, “è stato varato una vasto programma sociale da parte del Presidente Juan Orlando Hernandez, soprattutto sul piano abitativo e sanitario. Inoltre si sta combattendo seriamente la corruzione e l’attività delle organizzazioni criminali”.

A proposito di sicurezza la Canahuati a voluto assicurare tutti: “I pericoli ci sono nelle grandi città. Nei luoghi turistici la sicurezza è assicurata molto bene. Quindi venite in Honduras senza timori e scoprire un Paese meraviglioso con della gente splendida.

 

Un rocambolesco incontro con la fede



Venerdì 25 maggio 2018 si è tenuta la riunione del Forum con lo scrittore  Alì Ehsani, sul tema «Sono fuggito dai talebani e ho incontrato la fede»
I genitori uccisi in Afghanistan quando era bambino, il viaggio rocambolesco in cui il fratello perde la vita, l’arrivo in Italia, l’avvicinamento al cristianesimo e la laurea in legge. Una storia da scoprire. Il viaggio di Alì Ehsani è stato raccolto nel libro Stanotte guardiamo le stelle, scritto con Francesco Casolo e pubblicato da Feltrinelli.

Il ruolo del dialogo interreligioso in Medio Oriente



Il Centro Studi sul Medio Oriente (CEMO) e il Religion & Security Council (RSC) organizzano una colazione di lavoro venerdì 18 maggio 2018, dalle ore 9,30 alle 11,30, sul tema Il ruolo del dialogo interreligioso nella risoluzione dei conflitti in Medio Oriente.
Sede dell’incontro è l’NH Hotel di via Virgilio 1, Roma
Intervengono:
Rev. Fr. Markus Solo, SVD – Ufficio per l’Islam, Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso
Dott. Abdellah Redouane – Segretario Generale del Centro Islamico Culturale d’Italia
Modera:
Dott. Emiliano Stornelli – Chairman del Religion & Security Council
Il CEMO realizza dal 2006 incontri periodici – a Madrid, Gerusalemme e Roma – per un pubblico selezionato di diplomatici, giornalisti ed esperti per approfondire le circostanze della situazione politica ed economica dell’area mediorientale. Il CEMO è promosso dalla Fundación Promoción Social (www.promocionsocial.org), una fondazione internazionale, con sede principale a Madrid (e sede operativa anche a Roma), attiva da oltre 25 anni nel campo della cooperazione allo sviluppo.
RSC promuove la risoluzione dei conflitti attraverso un impegno attivo nella dimensione religiosa delle crisi internazionali, riservando una particolare attenzione agli strumenti e ai principi guida che le religioni possono offrire a supporto dei processi di riconciliazione e costruzione della pace (www.religionandsecurity.org).