Search The Blog
Mediatrends

Il futuro economico dell’America Latina nell’attuale crisi mondiale

  • 26 Maggio 2020

Quello di Mediatrends America è una conferenza stampa telematica tra gli ambasciatori in Italia e i giornalisti. per discutere “il futuro economico dell’America Latina nell’attuale crisi globale”.

Secondo un rapporto della Banca Mondiale: “La regione dell’America Latina e dei Caraibi (ALC) sta subendo un forte calo della crescita a causa della crisi della Covid-19, che richiederà molteplici risposte di politica pubblica per sostenere i più vulnerabili, evitare una crisi finanziaria e proteggere i posti di lavoro”. Si afferma inoltre che “negli ultimi dodici mesi, una serie di shock ha avuto un impatto sulla crescita economica della regione, a partire dalle tensioni sociali, il crollo dei prezzi internazionali del petrolio e ora la crisi del coronavirus. Di conseguenza, la crescita ne risente.

La conferenza stampa è stata riportata dall’ambasciatore costaricano in Italia, Ronald Flores Vega, che ha affermato che il suo Paese, pur essendo povero, “sta affrontando la pandemia del coronavirus con risultati positivi, finora i decessi sono stati limitati a dieci: sei uomini e quattro donne. Ciò è dovuto all’azione congiunta delle “varie forze del paese che hanno risposto bene agli orientamenti politici”.

Il fatto che questo Paese non abbia un esercito ha permesso a questo risparmio di rafforzare “il sistema sanitario e scolastico” per anni. Infatti, ha detto che il Costa Rica “destina circa l’8 per cento del prodotto interno lordo all’istruzione” e che non si limita a “preparare le persone al mercato del lavoro, ma a dare loro un’istruzione completa”. Si tratta di un dato molto importante se si considera che in Europa la spesa media per l’istruzione è inferiore al 5%, secondo i dati ufficiali.

Domande dei giornalisti
Sergio Mora ha parlato del lavoro dei media in America Latina per affrontare la questione del coronavirus, il giornalista ha detto che nella redazione delle statistiche, come i governi dei loro paesi hanno dato loro, hanno coperto la crisi, cercando di dare informazioni oggettive.
Il giornalista Jorge Piña, quando parlava della situazione nel suo Paese, e di come è stata affrontata, secondo i suoi criteri, c’è stata una serie di “errori che hanno reso la situazione nel Paese ancora peggiore”.
La giornalista peruviana Isabel Recavarren ha detto che la crisi in Perù si è aggravata soprattutto perché il governo non si è consultato con la Chiesa e l’esercito quando ha cercato di gestire la situazione. Considerando che hanno un’importante influenza territoriale.

Honduras
Ieri è stato pubblicato a Tegucigalpa uno studio, presentato dal Forum sociale honduregno sul debito estero (Fosdeh, privato), che afferma che per uscire dalla grave situazione economica il Paese deve “riorientare” le sue politiche pubbliche sulla crescita, apportare cambiamenti alla sua struttura produttiva e “de-strutturare” la corruzione per far posto a un “nuovo ordine sociale”.
Lo studio intitolato “An Effective and Socially Inclusive Response to the COVID-19 Pandemic in Honduras: Integral Transformation that allows for a New Social Order” (Una risposta efficace e socialmente inclusiva alla pandemia COVID-19 in Honduras: una trasformazione integrale che permette un nuovo ordine sociale) afferma che il rallentamento economico e commerciale globale comporterà “grandi difficoltà nel collocare le materie prime nei mercati tradizionali”. E sarà urgente “la generalizzazione della fame e della scarsità di beni di prima necessità per il 70% della popolazione povera e impoverita”, per cui potrebbero esserci “epidemie sociali più frequenti” con l’avanzare dell’immobilizzazione sociale e individuale. È quindi urgente, ha detto il Fosdeh, organizzare un “pacchetto di misure di crescita interna che garantisca un nuovo modello di redistribuzione del reddito.

Nicaragua
La situazione della pandemia COVID-19 in Nicaragua, secondo l’Osservatorio indipendente dei cittadini, che gode di maggiore prestigio rispetto al Ministero della Salute, afferma che 2.687 persone nel Paese sono state infettate e 598 sono morte. Secondo i dati di diverse agenzie, il governo Ortega “non ha posto restrizioni per fermare la diffusione del coronavirus”. A malapena attua misure preventive, promuove l’affollamento e poi manda le persone a fare visite a domicilio.
Secondo le agenzie, gli ospedali non sono in grado di far fronte al gran numero di malati e il numero dei morti aumenta di giorno in giorno. Ma il governo non riporta il numero di persone infettate o uccise giorno per giorno, ma piuttosto settimana per settimana.

El Salvador
È stato il primo paese dell’America Latina ad adottare misure restrittive per fermare la diffusione della malattia, dall’11 marzo. Secondo le disposizioni governative, la popolazione e i residenti stranieri sono stati sottoposti a una quarantena di 30 giorni in alberghi allestiti per questa operazione. Tuttavia, il coronavirus è arrivato anche in El Salvador una settimana dopo. Da ieri, ci sono 83 casi e sei morti.

No Comments Found

Leave a Reply