Search The Blog
Mediatrends

America Latina: la presenza dei cristiani nella vita pubblica

  • 19 Marzo 2019

“Alla base della fuga di molti cattolici verso altre credenze cristiane che offrono scorciatoie spirituali costituisce un esempio di incoerenza dei cattolici”. A sostenerlo è stato  l’Ambasciatore della Repubblica di Honduras presso la Santa Sede, Carlos Avila Molina, in occasione dell’incontro organizzato dall’Osservatorio Mediatrends-América presso l’hotel NH Giustiniani a Roma. Titolo dell’incontro: “La partecipazione dei cristiani alla vita pubblica in America Latina: gli approcci attuali”. Insieme a vari giornalisti c’èrano anche rappresentanti del corpo diplomatico latino americno accreditato in Italia. A moderare l’incontro è stato il giornalista peruviano Roberto Montoya.

Per l’Ambasciatore, “la partecipazione dei cristiani alla vita pubblica dovrebbe essere sempre un modello di comportamento, sia in ambito privato che nella vita pubblica”. Per Molina è inconcepibile una realtà che vede molti  Presidenti e dei funzionari in America Latina di estrazione ed educazione cattolica non riuscire a combattere o ad evitare la corruzione.

“Dobbiamo assolutamente”, ha proseguito, “rivalutare coloro che ci sono vicini, e per vicini non parliamo semplicemente di chi ci sta accanto, altrimenti dimentichiamo le persone che soffrono ma stanno lontani. Del resto, solo con un simile comportamento possiamo realmente comprendere l’enciclica “Laudato Sii”, basata sulla difesa dell’ambiente e del creato.

L’Ambasciatore ha poi sottolineato che molti pensano che sia solo compito del Papa e dei Vescovi intervenire quando nella realtà tutti fanno ugualmente parte della chiesa e quindi hanno ugualmente la responsabilità di garantire l’onestà e la corretta gestione della cosa pubblica. In conclusione, per Molina, “è necessario evangelizzare con il nostro esempio e con le nostre azioni”, insegnando e dando il buon esempio innanzitutto in famiglia. Sotto questo profilo, Papa Francesco è una vera benedizione, che aiuta, tra l’altro,  a rompere quel muro di paura che a volte impedisce di parlare di Dio”.

No Comments Found

Leave a Reply